9dt3vn, Author at Comuni Termali Ancot - Pagina 5 di 8

9dt3vn

Author's Posts:
DIRETTIVO DI ANCOT ALLA UNIVERSITA’ LA SAPIENZA DI ROMA

UN ALTRO IMPORTANTE TRAGUARDO PER ANCOT. IL DIRETTIVO SI E’ TENUTO IERI presso l’Università LA SAPIENZA di Roma.

Si è tenuto ieri 17 settembre a Roma presso l’Aula delle Lauree della Facoltà di ECONOMIA della SAPIENZA il Direttivo di ANCOT grazie al cortese invito del prof. Attilio Celant, ex Preside della Facoltà di Economia, che ha rivolto l’invito al Presidente di ANCOT Luca CLAUDIO nella precedente sessione svoltasi presso la sede nazionale di Anci alla quale il Prof. Celant aveva portato il suo contributo.
Il saluto dell’attuale Preside di Facoltà prof. Giuseppe CICCARONE DEAN ha aperto la riunione portando il saluto ai presenti. Al tavolo dei relatori anche il Consigliere di Stato e VicePresidente di Italiadecide prof. Alessandro Palanza intervenuto anche a nome del Presidente di Italiadecide, ex Presidente della Camera Luciano VIOLANTE.
Presenti Sindaci e Assessori dei Comuni Italiani facenti parte del Direttivo ANCOT e precisamente dei Comuni di MONTEVAGO, ABANO TERME, MONTEGROTTO TERME, ALI’ TERME, BAGNO DI ROMAGNA, CHIANCIANO TERME, FIUGGI, MONTECATINI TERME. Assenti giustificati i Comuni di ACQUI TERME, SALSOMAGGIORE E STENICO.
La prima parte della riunione è stata un confronto sulla necessità di creare una sinergia tra rappresentanze specifiche e qualificate del territorio nazionale, Istituzioni, Associazioni e Imprese, per portare ai tavoli di Governo e Parlamento proposte concrete e progetti a firma unitaria per rilanciare il Turismo Nazionale e salvare tutto l’indotto che intorno al turismo gravita e che è senza dubbio una delle maggiori, se non la maggiore, risorsa nazionale per lo sviluppo economico del Paese. La volontà emersa è quella di coinvolgere in questo nuovo percorso voluto dal Presidente Luca CLAUDIO le maggiori rappresentanze sociali ed economiche della Nazione con la supervisione, la collaborazione e il coordinamento dell’Associazione Italiadecide. Pertanto i Comuni Italiani, ANCI, ANCOT, FEDERTERME, FEDERALBERGHI si troveranno insieme a creare e siglare un MANIFESTO DEL TURISMO dal quale ripartire, un MANIFESTO di indicazioni e punti precisi da seguire e possibili da realizzare. La detassazione delle Imprese e delle strutture alberghiere si può ottenere attuando come azioni concomitanti investimenti e progetti che possono produrre la ricchezza e le entrate che, purtroppo, lo Stato recupera esclusivamente con una forte imposizione fiscale e stabilendo tagli alla spesa pubblica con il risultato di far morire il tessuto sociale economico nazionale ad ogni livello.
Questo sarà il lavoro dei prossimi mesi che ANCOT coordinerà a livello nazionale. Continuare a sentire ed incontrare i Presidenti delle Categorie Economiche Nazionali ma anche i Ministri e i loro Consiglieri Economici per creare un vero e proprio gruppo di lavoro, giungere alla stesura di proposte FATTIVE fortemente condivise dai massimi esponenti delle realtà nazionali nella convinzione che modi alternativi per aiutare il turismo senza uccidere le Imprese e i Comuni con una tassazione selvaggia e mastodontica ci SONO!

Condivisione di tutti sulla necessità di modificare l’articolo V° della Costituzione chiedendo che possa essere nuovamente costituito il MINISTERO AL TURISMO affinchè possano essere attuate tutte le misure possibili per ricordare a tutti che l’Italia è uno dei Paesi più belli al mondo e che in Italia c’è il 70% delle opere d’arte presenti nel mondo e che in Italia esiste il Turismo Termale che non è de localizzabile, è qui, è nostro e può dare molto di più a questa Nazione se salvato dalle ceneri sotto alle quali è stato per molti anni dimenticato.
“Ho chiesto ai Comuni del Direttivo di lavorare sulle criticità dei propri territori SENZA piangersi addosso, ha detto il Presidente di ANCOT Luca Claudio, di preparare e formulare ogni possibile ipotesi di strategia di sviluppo turistico, dal marketing territoriale a progetti per poter chiedere una minore imposizione fiscale, di costruire proposte. Ho presentato al Direttivo una nuova importante opportunità per la promozione del Turismo nazionale, QUELLA DI APRIRE LE PORTE ALLA Cina e di conquistare il mercato cinese valorizzando la grande risorsa termale italiana, 154 Comuni Termali sparsi in ogni Regione, da nord a sud. La clientela cinese ama il benessere, la cura del proprio stato fisico e mentale e le Terme traducono perfettamente ciò che la clientela cinese sta dimostrando di cercare e di volere. La Cina non conosce la piccola specificità turistica come può essere Roma, Venezia o Milano. La Cina conosce l’ITALIA, il suo sistema termale, la sua fama nel mondo per l’accoglienza e l’ospitalità. E’ un mercato che può dare ossigeno al turismo e all’economia italiana da subito. Ma dobbiamo aprire i confini mentali del nostro modo di amministrare e anche di fare impresa e iniziare nuove sfide con coraggio, entusiasmo, positività.
Infine un ringraziamento davvero sentito al nuovo Preside della Facoltà di Economia Prof. Ciccarone e all’ex Preside Prof. Attilio CELANT che personalmente ha aperto le porte dell’Università della capitale ad ANCOT ogni qualvolta vi sia la necessità di tenere non solo i Direttivi, ma anche Conferenze, Convegni, meeting.

Files allegati:
Direttivo ANCOT a La Sapienza Roma.pdf

18 Settembre 2014
LETTERA DEL PRESIDENTE ANCOT AI SINDACI DEI COMUNI TERMALI: PRESSIONE FISCALE E CRISI DELLE IMPRESE

LETTERA DEL PRESIDENTE ANCOT LUCA CLAUDIO AI COMUNI TERMALI ITALIANI

Eccone alcuni passaggi fondamentali.

“La forte tassazione alle Imprese è senza dubbio uno dei grandi problemi che hanno portato alla crisi e alla chiusura di Aziende e Strutture. Se da una parte, come sindaci, abbiamo l’obbligo e il dovere di chiedere il pagamento delle tasse non corrisposte, dall’altra siamo ben consapevoli che questo contribuisce ad aggravare la crisi delle Aziende che già ci colpisce come territori, sviluppo e occupazione”.

“… la sofferenza economica e finanziaria delle imprese termali ed alberghiere, su terrori in cui il turismo è sostentamento economico e sociale è fondamentale e diventa importante ai fini di fotografare la consistenza della crisi, che è fortissima, e di alzare la voce presso le sedi competenti affinché il nostro Turismo e Termalismo non abbiano a soccombere e trovarsi in una situazione di totale DEFAULT, affinché possiamo finalmente avere un MINISTERO AL TURISMO E TERMALISMO. Insieme potremo concordare anche azioni unitarie forti nei confronti del Governo su questo tema e ciò sarà motivo di discussione nel corso della prossima Assemblea ANCOT del 17 settembre p.v. a Roma.”

“…nei primi giorni di settembre ho chiesto di incontrare sia il Ministro competente dell’On Franceschini e il Presidente di Federalberghi Bernabo’ Bocca…”

In allegato il testo integrale della lettera inviata dal Presidente ANCOT e Sindaco di Abano Terme ai Comuni Termali Italiani

Files allegati:
Lettera Presidente Comuni Termali pressione fiscale imprese.pdf

26 Agosto 2014
CAFE’ DE L’EUROPE: FIUGGI 24-26 LUGLIO 2014

Il Café de l’Europe si svolgerà durante il Festival di Fiuggi Fiuggi Family. Saranno organizzati una serie di eventi, tra cui una mostra fotografica di famosi artisti nazionali ed internazionali che hanno visitato Fiuggi. Inoltre, da gennaio 2014, un concorso fotografico, cartoline e manifesti storici, saranno lanciati a rivisitare il passato e il futuro delle terme come un centro culturale e il patrimonio.

Infine, un concorso di cortometraggi è organizzato e verrà valutato dalla giuria di esperti Festival. Il tema del concorso è aperto a tutti ed a tutte le età è: “L’acqua termale nella Storia, cultura e guarigione.” Questi film, della durata di un minuto, saranno valutati in base alla rappresentazione del patrimonio culturale spa a livello europeo, lo sviluppo di centri termali come centri culturali dinamici. Tutti i film saranno presentati al Café e un premio saranno assegnati al vincitore

Il 26 luglio nel corso del Café de l’Europe si svolgeranno più tavole rotonde fra le quali verranno affrontati i seguenti temi:

“Città termali, centri di produzioni cinematogragiche”
Quali prospettive per rafforzare il legame tra benessere termale, patrimonio artistico e la cultura cinematografica ?
L’impresa cinematografica, le istituzioni pubbliche del mondo del cinema e della cultura, le reti culturali e turistiche
sono chiamate oggi a riflettere sulle potenziale delle stazioni termali quali location di produzioni cinematografiche.

“Città termali, scambi e creatività culturale”
Come sperimentare nuove forme di scambio culturale, di trasmissione di conoscenze e saperi, di promozione della creatività nel settore cinematografico ?

11 Luglio 2014
IL PRESIDENTE DI ANCOT: INCONTRA I SINDACI DEI COMUNI TERMALI SOCI E LE TERME SENESI

IL PRESIDENTE DI ANCOT: INCONTRA I SINDACI DEI COMUNI TERMALI SOCI E LE TERME SENESI.
Chianciano Terme, Rapolano Terme e Montepulciano: tre diverse realtà a conferma della ricchezza delle risorse termali italiane.

Chianciano Terme (30 giugno 2014)- Il Presidente ANCOT Luca Claudio nonché Sindaco di Abano Terme per una due giorni di intenso lavoro (25 e 26 giugno) nella sede operativa e legale dell’A.N.CO.T. a Chianciano Terme.
In questi due giorni, infatti, il Presidente A.N.CO.T. ha effettuato una serie di incontri con i sindaci di Chianciano Terme – il neo eletto Andrea Marchetti e di Rapolano Terme – il riconfermato Emiliano Spanu.

Le visite istituzionali si sono alternate a quelle con i vertici delle aziende termali. Infatti il Presidente A.N.CO.T. ha incontrato: l’Amministratore delegato della Terme di Chianciano S.p.A. Ferruccio Carminati, quale esempio di terme pubbliche con privatizzazione della gestione delle attività termali; con il Direttore Generale delle Terme Antica Querciaolaia S.p.A. di Rapolano Terme Alessandro Fabbrini, esempio di terme miste pubblico/private con gestione diretta delle attività termali e la Direttrice Generale delle Terme di Montepulciano nonché Tesoriere di Federterme Rossana Turchi quale modello di terme totalmente private con gestione diretta delle attività termali.

“E’ stato per me importante visitare le diverse realtà di questo territorio, ha detto il Presidente ANCOT Luca CLAUDIO, è stata la conferma della ricchezza delle risorse termali qui presenti, della loro diversificazione che possiamo offrire sia in termini curativi che di prevenzione, oltre alla componente del benessere e del relax che, grazie a un territorio ricco di cultura e di qualità eno-gastronomica e che si sviluppa in un contesto paesaggistico di rara bellezza, è sicuramente una delle gemme delle nostre Terme d’Italia. Con tutti i Referenti incontrati, sopraindicati, è stata raggiunta una sinergia di intenti e programmi per portare le TERME ITALIANE all’attenzione dei Tavoli Nazionali dove si prendono le decisioni relative al Turismo Nazionale con l’obbiettivo di istituire, finalmente, un Ministero al Turismo dove le TERME occupino un posto rilevante riservando loro la considerazione che meritano.
Sono convinto che se un’azione forte verrà fatta da tutti i “registi” del termalismo nazionale su obbiettivi condivisi riusciremo ad ottenere quell’attenzione che è sempre mancata a questo importante ramo economico per l’Italia dove da nord a sud operano ben 150 Comuni Termali!.
Proseguirò nella visita di altre realtà termali per iniziare a far capire che A.N.CO.T. c’è, che non è un contenitore senza speranze come fino a poco tempo fa appariva, che andremo a Roma e chiederemo di essere ascoltati e inseriti nei TAVOLI NAZIONALI, che essere soci di A.N.CO.T. non è solo una dicitura burocratica ma vuol dire conoscere, partecipare, suggerire. Andremo a Roma portando fatti e numeri: presenze, indotto, entrate, e quanto giova al Turismo Italiano quello Termale”.

Nella foto da sinistra il Sindaco di Chianciano Terme Marchetti ed il Presidente A.N.CO.T. e Sindaco di Abano Terme Claudio

Files allegati:
PRESIDENTE ANCOT INCONTRA I COMUNI E LE TERME SENESI.pdf

30 Giugno 2014
Thermabilly Jam 2014 Dal 30 Maggio al 1 Giugno 2014 ad Abano Terme

Thermabilly Jam ad Abano Terme è un evento che si rifà agli anni Cinquanta e Sessanta e porterà per la prima volta nella cittadina termale la musica e la cultura dell’America di quello straordinario ventennio con una kermesse effervescente e colorata tutta da vivere. Una tre giorni che vedrà alle Terme l’invasione di auto d’epoca in stile americano, costumi anni ’50 e ’60 e musica rock and roll del mito Elivis Presley. Durante la manifestazione ci sarà la sfilata di vetture storiche, con l’esibizione di modelli risalenti al periodo che costituisce il tema del festival.

Thermabilly Jam ad Abano Terme si svolge nell’isola pedonale e per le vie del centro, per una piacevole passeggiata “retrò” accompagnati dalle note di Elvis, tra mercatini e concerti. Bancarelle e stand vari venderanno oggetti di modernariato e dello stile di vita anni ’50 e ’60: juke box, flipper, cappelli, gadget, quadri, chitarre, oggetti country, dischi in vinile, scarpe bicolore, abbigliamento vintage nuovo e usato, lingerie d’epoca, e tutto ciò che riguarda la cultura di quel fantastico periodo.

Files allegati:
COMUNE ABANO thermabilly loc apr2014.pdf

12 Maggio 2014
ITALIADECIDE E ANCI AL DIRETTIVO DI ANCOT A ROMA

Abano Terme, 08/05/2014

COMUNICATO STAMPA
________________________________________________________________________

ITALIADECIDE e ANCOT:

rilancio del sistema turistico termale, marketing territoriale e percorso innovativo per la promozione delle risorse nazionali temi di concreta attuazione

Si è tenuto ieri 7 maggio 2014 presso la sede nazionale dell’ANCI di Roma il Consiglio Direttivo dell’A.N.CO.T. (Associazione Nazionale Comuni Termali) di cui è presidente il sindaco Luca Claudio.

Sono intervenuti al Direttivo il vice Presidente dell’Associazione “italiadecide” e Consigliere di Stato dott. Alessandro PALANZA e il prof. Attilio CELANT, docente di Economia presso l’Università LA SAPIENZA di Roma.

A seguito dell’incontro tra il presidente di italiadecide Luciano VIOLANTE e il Presidente di Ancot Luca Claudio si è così concretamente dato avvio, come preannunciato dopo l’evento di Montecitorio dello scorso 31 marzo durante il quale alla presenza del Presidente Napolitano “italiadecide” presentò il REPORT SUL TURISMO, alla collaborazione fra i due Enti.

Il REPORT è stato illustrato ai sindaci dei Comuni Termali presenti dal dott. Palanza, il quale ha poi dato la parola al prof. Celant che ha tenuto una “lezione” di economia italiana esaminando il turismo nazionale e termale dal punto di vista del fondamentale apporto economico al sistema Italia e non solo dal punto di vista della quantificazione numerica dei flussi turistici.

Italiadecide opera, come collegamento tra le istituzioni, la politica, le amministrazioni e il mondo scientifico culturale, compiendo studi e ricerche anche per mandato del Parlamento e rivolgendo pertanto la propria attività alla cura degli interessi generali e prevalenti del Paese.

Tra i soci promotori Giuliano Amato, Gianni Letta e Giulio Tremonti. Presidente onorario Carlo Azeglio Ciampi.

“E’ stato per me un onore, ha detto il Presidente ANCOT Luca Claudio, ospitare al nostro tavolo i maggiori rappresentanti di “italiadecide”. Dopo l’invito a presenziare è stata una insperata soddisfazione il riscontro avuto e la loro partecipazione al Direttivo. Il tema-soluzione proposto da italiadecide sul quale ripartire per dare rilancio al sistema turistico termale nazionale è sicuramente una svolta “culturale” del modo di approcciarsi al Turismo puntando forze e risorse sul MARKETING TERRITORIALE, sul territorio italiano e le sue risorse, sulla valorizzazione della diversificazione dell’offerta che l’Italia propone attraendo i mercati stranieri proprio per la diversificazione dell’offerta nazionale.

Sono stati poi trattati i temi ambientali e del risparmio energetico con la presentazione da parte dell’Associazione ANCEE ai presenti del progetto di risparmio e cultura energetica per il quale il Comune di Abano è stato comune “pilota” nell’aver colto le positive opportunità dello stesso per i cittadini ma anche per le amministrazioni locali, per ANCI, ANCOT E ITALIADECIDE. Il progetto ha ottenuto il plauso dei presenti e i sindaci hanno chiesto indicazioni per poterlo attivare anche nei propri territori. L’ANCEE ha infatti già ottenuto, oltre al patrocinio della città di Abano Terme, anche il patrocinio dell’ANCI nazionale e di ANCOT.

Con la presenza al Direttivo della d.ssa Raffaella CARIA della segreteria di EHTTA (European Historical Thermal Towns Association), intervenuta in sostituzione del presidente di EHTTA Giuseppe Bellandi assente per la concomitanza della scadenza elettorale nel suo Comune, è stato poi illustrato quanto emerso durante l’assemblea generale di EHTTA dello scorso 16 aprile tenutasi a Baden Baden.

Infine la d.ssa Moira ROTONDO, presente quale referente per ANCI nazionale, e il presidente ANCOT hanno ribadito la volontà di addivenire alla sottoscrizione di un protocollo d’intesa ANCI/ANCOT sulle tematiche del turismo e del termalismo.

“E’ stato fatto un passo in avanti importante ma soprattutto concreto per ANCOT, ha detto Luca Claudio; è iniziato un percorso reale per portare ANCOT ai tavoli nazionali istituzionali dove non era MAI stata presente. Lo faremo grazie al coinvolgimento di ANCI e grazie all’apporto e alla futura collaborazione con ITALIADECIDE, grazie alla condivisione con FEDERTERME. Uniti continueremo a chiedere l’Istituzione di un MINISTERO AL TURISMO E TERMALISMO perché senza una regia superiore la diversificazione dell’offerta turistica nazionale ci penalizzerà anzichè rafforzarci. Dobbiamo iniziare ad usare il concetto di “IMPRESA TURISMO” lavorando sul concetto di promozione territoriale, marketing territoriale e tutto quanto riguarda il TERRITORIO creando una “rete territoriale” dove mettere al primo posto il sistema azienda-turismo.

Se riusciremo, e questo sarà l’impegno di ANCOT anche attraverso queste importanti collaborazioni, a creare questa rete territoriale, potremo avere un posto nei tavoli istituzionali di programmazione e decisione nel settore del Turismo.

Concordo quindi con i concetti rappresentati dal prof. Attilio Celant quali strategie per dare un percorso innovativo alla promozione delle risorse nazionali, partendo anche dalle Università dove, così come affermato dal prof. Celant, si deve iniziare a prevedere in modo consistente corsi di studio specifici anche sul marketing territoriale, oltre che sul marketing aziendale.

E proprio il prof. Attilio Celant, alla fine della riunione, mi ha proposto di convocare il prossimo Consiglio Direttivo di ANCOT presso la Facoltà di Economia dell’Università LA SAPIENZA di Roma, proposta che ho accettato con grande soddisfazione e per me motivo di orgoglio.”

Files allegati:
Italiadecide ed ANCI al Direttivo ANCOT a Roma.pdf

8 Maggio 2014
Il Presidente ANCOT alla Camera per la presentazione del rapporto 2014 sul Turismo di Italiadecide.

Il Presidente ANCOT alla Camera per la presentazione del rapporto 2014 sul Turismo di Italiadecide. Inizio di un percorso per la promozione del termalismo.

Il Presidente di ANCOT e Sindaco di Abano Terme Luca Claudio è stato invitato ed ha partecipato alla presentazione ufficiale del rapporto annuale sul turismo che si è tenuta il 31 marzo nella Sala della Regina presso la Camera dei Deputati.

Il rapporto sul turismo è stato realizzato dall’Associazione “Italiadecide”, presieduta dall’On. Luciano Violante. Ha introdotto i lavori la Presidente della Camera Laura Boldrini a cui hanno fatto seguito gli interventi del Presidente dell’Associazione Violante e del Ministro dei Beni Culturali e Turismo Dario Franceschini.

Era presente all’illustrazione del report il Presidente della Repubblica. Al termine dei lavori, il Presidente Luca Claudio ha avuto un colloquio con l’On. Luciano Violante in merito a una futura collaborazione per ospitare ad Abano Terme un convegno sul turismo termale al fine di dare impulso al termalismo locale e nazionale.

Il Presidente Violante ha accolto con entusiasmo la proposta e nei prossimi giorni verrà formalizzato l’avvio dei lavori per la preparazione del convegno.

E’ stata l’occasione per portare all’attenzione degli organi nazionali il termalismo che è stato spesso dimenticato all’interno del turismo nazionale

Nel pomeriggio di ieri Luca Claudio ha incontrato presso la sede nazionale dell’ ANCI il Vice presidente ANCI e delegato nazionale dell’ANCI per il turismo Claudio Ricci, concordando la predisposizione di un protocollo d’intesa ANCI/ANCOT sulle future collaborazioni tra i due organismi in merito alla promozione del turismo termale.

E’ l’inizio dell’apertura di un dialogo per un percorso condiviso.

Files allegati:
Presentazione Presidente Camera del Rapporto 2014 Italiadecide.pdf

2 Aprile 2014
ANCOT ed ANCI chiedono al Governo l’istituzione del MINISTERO AL TURISMO E TERMALISMO

Si è tenuto il 19 marzo scorso ad ASSISI, prezzo il Palazzo Comunale, l’incontro tra Luca CLAUDIO, nella sua doppia veste di Presidente ANCOT e sindaco della città di Abano Terme e il sindaco di Assisi Claudio Ricci nella sua doppia veste di Sindaco e Delegato Nazionale di ANCI per il Turismo.

Tema dell’incontro il TURISMO.

Due ore durante le quali sono state poste basi importanti per un percorso finalmente insieme tra ANCOT ed ANCI per chiedere e ottenere dal Governo Centrale l’istituzione di un MINISTERO AL TURISMO E TERMALISMO.

Claudio Ricci ha dato immediatamente la disponibilità di ANCI alla sottoscrizione di un protocollo di intesa ANCI-ANCOT che delinei la programmazione degli obiettivi da raggiungere unitariamente il più urgente dei quali l’Istituzione del Ministero come sopra enunciato e MAI finora istituito.

“Come sindaco sto chiedendo al Governo Centrale fin DAL 2001 l’istituzione di un MINISTERO AL TURISMO E TERMALISMO vero e proprio, ha detto il presidente di ANCOT Luca Claudio, l’ho chiesto ad ogni Governo via via succedutosi senza ottenere un riscontro o anche solo un interessamento alla mia richiesta. L’ho chiesto ancora una volta appena sono stato eletto Presidente di ANCOT e attendo risposta…

Finalmente ieri ho trovato nella persona di Claudio RICCI un riferimento importante e per me, di prestigio, su questo tema, un riferimento prezioso per portare questa richiesta nelle sedi competenti e una speranza concreta di poter finalmente avere una Sede Istituzionale Centrale dove tutti gli Operatori Turistici Nazionali, dalle Istituzioni all’Imprenditoria fino ad ogni Categoria Culturale, Economica e di Sviluppo, possano trovare un tavolo ministeriale intorno al quale parlare del TURISMO.

Il TURISMO questo “sconosciuto”, purtroppo, una risorsa enorme che possediamo e che non sappiamo sfruttare al meglio, non solo in ordine alla ricettività turistica ma anche in ordine alla conoscenza, comunicazione internazionale ed esportazione del nostro “prodotto”. Ho trovato nel Sindaco di Assisi un interlocutore di prim’ordine con una personalità che mi ha colpito profondamente, una persona di rara umiltà ed elevatissima cultura, esperienza e conoscenza in materia.

Sono onorato che il prof. Ricci, nella sua veste di delegato nazionale ANCI per il Turismo abbia accolto con entusiasmo la mia richiesta e di essersi proposto primo attore di un progetto ambizioso che verrà presentato il prossimo 31 marzo a Roma, presso la Camera dei Deputati, nell’ambito della presentazione del rapporto annuale sul Turismo da parte dell’Associazione “Italiadecide”, associazione presieduta dall’Onorevole Luciano Violante. Alla conferenza di presentazione del Rapporto Annuale su Turismo sarà presente il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Il nostro progetto parte con la presentazione di un “MANIFESTO DEL TURISMO”che verrà illustrato da Claudio Ricci alla platea che ospiterà i maggiori rappresentanti del mondo imprenditoriale ed economico nazionale oltre che numerosi parlamentari.

Il MANIFESTO sarà un documento breve ma di rilevante impatto grafico e descrittivo, creato con la condivisione di ANCOT, presentato da ANCI e illustrato da Claudio Ricci nel corso del suddetto evento, che dovrà riassumere in pochi punti PERCHE’ dobbiamo avere un Ministero al Turismo e Termalismo. Primo firmatario Claudio Ricci, secondo firmatario Luca Claudio e a seguire tutti gli Enti e le maggiori Categorie di sviluppo economico e produttivo presenti nel territorio nazionale.

Proposte concrete, condivisione e sintonia tra noi due nelle rispettive doppie vesti istituzionali con la convinzione fortissima che è oramai improcrastinabile ottenere un “indirizzo”, una Sede Nazionale, un MINISTERO di riferimento che sarà spinta propulsiva per rilanciare l’economia e lo sviluppo. Abbiamo progetti in comune di straordinario impatto emozionale per “vendere” il nostro TURISMO, fondamentale è farlo conoscere usando ogni possibile tecnologia, far conoscere il TESORO, la Miniera d’Oro di Cultura, Arte, Paesaggio e Clima che tutto il Mondo ci invidia e alla quale tanta parte di Mondo potrebbe e potrà ancora ambire.

Luca Claudio
Presidente ANCOT

Files allegati:
ANCOT INCONTRO PRESIDENTE LUCA CLAUDIO E SINDACO DI ASSISI CLAUDIO RICCI.pdf

21 Marzo 2014
ANCHE ANCOT contraria alla norma che FARMINDUSTRIA ha inserito nel proprio Codice Deontologico

COMUNICATO STAMPA

IL PRESIDENTE DI ANCOT: LA NORMA DENTOLOGICA DI FARMINDUSTRIA INOPPORTUNA E SBAGLIATA.

ANCHE ANCOT contraria alla norma che FARMINDUSTRIA ha inserito nel proprio Codice Deontologico.

Per due motivi, ha detto il Presidente ANCOT Luca CLAUDIO:

A) si offendono professionisti, medici e ricercatori insinuando nel loro comportamento la volontà di “approfittare” di un evento importante e formativo a fini personali e turistici. Francamente se appartenessi all’ordine dei medici o dei farmacisti prenderei posizione su tale disposto per salvaguardare non solo l’onore e la dignità personale e della categoria, ma anche la credibilità professionale e l’onestà di ognuno;

B) La disposizione frena, di fatto, l’economia del Paese e l’occupazione, che si reggono anche sulle grandi risorse del turismo e del termalismo. Non ci vedo nulla di male, anzi, se alla fine delle sessioni di lavoro i professionisti che partecipano ai Congressi visitano le città, acquistano beni o vanno a cenare nei ristoranti della zona. Lo farebbero anche in altre città non turistiche, o digiunerebbero?

ANCHE ANCOT contraria alla norma che FARMINDUSTRIA ha inserito nel proprio Codice Deontologico.

Per due motivi, ha detto il Presidente ANCOT Luca CLAUDIO:

A) si offendono professionisti, medici e ricercatori insinuando nel loro comportamento la volontà di “approfittare” di un evento importante e formativo a fini personali e turistici. Francamente se appartenessi all’ordine dei medici o dei farmacisti prenderei posizione su tale disposto per salvaguardare non solo l’onore e la dignità personale e della categoria, ma anche la credibilità professionale e l’onestà di ognuno;

B) La disposizione frena, di fatto, l’economia del Paese e l’occupazione, che si reggono anche sulle grandi risorse del turismo e del termalismo. Non ci vedo nulla di male, anzi, se alla fine delle sessioni di lavoro i professionisti che partecipano ai Congressi visitano le città, acquistano beni o vanno a cenare nei ristoranti della zona. Lo farebbero anche in altre città non turistiche, o digiunerebbero?

Spiace anche constatare quanto già rilevato fin dal mio insediamento quale Presidente di ANCOT e cioè che ANCOT non viene mai coinvolta nelle azioni che FEDERTERME e FEDERALBERGHI avviano a tutela delle Aziende e della risorsa termale. Credo non abbiano ancora compreso quanto importante sia la parte pubblica e istituzionale nei tavoli delle trattative in materia, per salvaguardare turismo e termalismo. Con Federterme si è già comunque iniziato un percorso di condivisione che con il Presidente Jannotti Pecci abbiamo concordato, dove FEDERTERME ed ANCOT da ora in poi opereranno insieme sulle tematiche di Turismo e Termalismo.

Più volte ho affermato che dobbiamo “camminare” insieme proprio perché unire le forze e gli obbiettivi è la sola strategia che può dare un peso alle nostre richieste.

Chiederò un appuntamento al presidente di FARMINDUSTRIA per un confronto finalizzato allo stralcio di un disposto che penalizza tutti, FARMINDUSTRIA compresa. Credo infatti che organizzare congressi medici e scientifici nelle località attualmente “vietate” dal Codice Deontologico di Farmindustria possa richiamare un maggior numero di Enti, Associazioni, Aziende e Professionisti interessati alla materia congressuale proprio per la visibilità del luogo del Congresso che non andrebbe certamente a rendere “disonesti” e “approfittatori” i partecipanti; senza contare inoltre che la disposizione crea un freno economico alle località turistiche incrementando una crisi di settore che già pesa in modo molto negativo anche sull’occupazione, e quindi sulle famiglie.

Mi chiedo come si possa non considerare o dimenticare il significato profondo delle TERME anche da punto di vista culturale, di studio, ricerca e storico, quando gli antichi Romani si ritrovavano alle TERME, luogo di “eccellenza” proprio per trattare le tematiche della salute e del benessere, la cura del corpo e dello spirito.

Luca CLAUDIO Presidente A.N.CO.T.

Rif. l’articolo 3.5 del nuovo Codice Deontologico Farmindustria recita così:
“È vietata l’organizzazione o la sponsorizzazione di eventi congressuali che si tengano o che prevedano l’ospitalità dei partecipanti in strutture quali: resort, navi, castelli che si trovino al di fuori del contesto cittadino, masserie, agriturismo, golf club, strutture termali o che abbiano come attività prevalente servizi dedicati al benessere o spa”.

Files allegati:
ANCHE ANCOT CONTRARIA ALLE POSIZIONI DI FARMINDUSTRIA 06.03.2014.pdf

7 Marzo 2014
Il Presidente Claudio: ANCOT collaborerà con ANCI

ANCOT collaborerà con l’ANCI

“Cercheremo di operare anche insieme a Federalberghi e ad ANCI perchè oramai divisi non si va da nessuna parte”, lo scrive, e può anche sorprendere, il sindaco Luca Claudio nelle vesti di presidente Ancot. L’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani è stata infatti dipinta dal primo cittadino aponense come un carrozzone costoso e inutile quando decise che il municipio di Abano non ne facesse più parte. Cambio di idee? “Continuo a pensare che sia un contenitore che non può dare benefici se non si mette davvero a rappresentare i Comuni – replica senza scomporsi Claudio – prova ne sia la parte avuta dal suo ex presidente. Graziano Delrio nei governi Letta e Renzi che hanno aumentato la pressione fiscale che i Comuni devono esercitare sui cittadini e diminuito i trasferimenti. Però spero che i 150 Comuni termali italiani possano avere ascolto e ottenere qualcosa anche dall’ANCI, perchè oggi stanno soffrendo. Attegiamento diverso perchè divrese sono le responsabilità delle due cariche di Claudio, che intende rilanciare anche l’ANCOT. Varate infatti nel primo Direttivo dell’Associazione dei Comuni Termali che ha presieduto una serie di iniziative. Ad esempio per “pesare” di più:”E’ partita una campagna informativa sull’attività di ANCOT. E’ importante rafforzare il ruolo dell’associazione rendendola concreta e operativa”.

Da Il Gazzettino di Padova 6 marzo 2014

Files allegati:
Articolo Il Gazzettino 06.03.2014.pdf

6 Marzo 2014
Indietro