Ancot newsletter Archives - Pagina 2 di 4 - Comuni Termali Ancot

Ancot newsletter

A.N.CO.T. in audizione alla X Commissione Attività Produttive Camera dei Deputati

A.N.CO.T. in audizione alla X Commissione Attività Produttive
Camera dei Deputati

“Parere favorevole di A.N.CO.T. alle modifiche alla legge 24 ottobre 2000, n. 323, concernente la disciplina del settore termale, e istituzione della Giornata nazionale delle terme d’Italia”
Presentata dagli Onn. Fanucci e Camani e altri

Roma 23 maggio 2017 – A.N.CO.T., l’Associazione Nazionale dei Comuni Termali, presieduta da Franca Roso Vice Sindaco di Acqui Terme è intervenuta tramite Giuseppe Bellandi, membro del Consiglio Direttivo e Sindaco di Montecatini Terme, all’audizione della X Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati in merito al disegno di legge (AC 4407) di riforma della legge 323 del 2000 di riordino del sistema termale, che vede fra i firmatari gli Onn. Fanucci (primo firmatario) e Camani.

“A.N.CO.T. ha espresso parere favorevole al disegno di legge (AC 4407)” ha commentato Bellandi alla conclusione dell’audizione. “Il Presidente della X Commissione On. Guglielmo Epifani ha mostrato una notevole conoscenza di quanto le terme possano rappresentare in termini di salute, turismo, cultura e lavoro nei territori dei comuni termali” ha proseguito il Consigliere di A.N.CO.T.
Rispetto alla proposta di legge n. 4407 del 5 aprile 2017 A.N.CO.T. condivide:
1. concreta attuazione al progetto di rilancio del settore termale del nostro Paese, in una più complessiva ottica di valorizzazione delle economie locali.
2. promozione, valorizzazione e crescita economica e sociale dei territori termali (art. 1);
3. agevolare il reinserimento sul mercato e l’attuazione dei percorsi di privatizzazione previsti per legge delle imprese termali pubbliche;
4. tutela del termine «termali», sottolineandone l’utilizzabilità solo ed esclusivamente per le aziende termali e per le prestazioni dalle stesse erogate (art.2);
5. l’attuazione di politiche virtuose di privatizzazione, finalizzate al definitivo rilancio degli stabilimenti termali ancora gestiti dagli enti territoriali;
6. l’attuazione di politiche di promozione del termalismo e del turismo nei territori termali, stabilendo l’inserimento, nei programmi di promozione dell’Agenzia nazionale italiana del turismo, di iniziative per il settore termale;
7. rilancio delle scuole di specializzazione in medicina termale e a dare nuovo impulso alla ricerca scientifica in ambito termale;
8. l’inapplicabilità del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 (di attuazione della direttiva 2006/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, cosiddetta direttiva Bolkestein), alle attività termali in quanto attività di erogazione di servizi sanitari, recependo i chiarimenti forniti sul tema sia dalla Commissione europea che dal Ministero della salute;
9. tutela dei lavoratori stagionali, ossia proprio quelli che storicamente vengono impiegati alle terme;
10. l’istituzione della Giornata nazionale delle terme d’Italia;

A.N.CO.T. ha ribadito nelle parole del Sindaco di Montecani Terme “l’assoluta necessità che la proposta di legge possa attuarsi nel più breve tempo possibile” oltre alla:
1. necessità di porre attenzione sulle ricadute sui territori;
2. la necessità di procedere alla sottoscrizione di un accordo fra Stato e Regioni affinché sia posta attenzione alle terme, ai suoi territori ed al turismo termale;
3. la necessità di operare in stretto raccordo con Federterme e FORST, con una interlocuzione nei confronti di Governo e Parlamento in forma sempre più coordinata e condivisa;
4. la necessità di collaborazione degli Enti territoriali e locali – che trovano in ANCOT l’associazione rappresentativa – con Federterme e le Istituzioni, per rilanciare e salvaguardare tutto il settore termale a lavorare in sinergia con tutti coloro che, a vario titolo, si occupano del settore termale.
5. la necessità di procedere in tempi più rapidi possibili all’attuazione della proposta di legge, anche alla luce attuazione della Decreto Madia e tenuto conto dei possibili fallimenti di privatizzazione, previsti dalla norma.
A.N.CO.T. ha voluto manifestare la propria totale disponibilità a lavorare con la X Commissione Attività produttive della Camera dei Deputati. Ritiene, inoltre essenziale per il settore termale anche la collaborazione interministeriale fra il Ministero della Salute, il MISE, il MIUR ed il MIBACT.

Files allegati:
Proposta di modifica 323-2000 05.04.2017 Fanucci.pdf

23 Maggio 2017
GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA 22.03.2017. INIZIATIVA PRESSO LE TERME DI SUIO-CASTELFORTE

GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA

Anche il Comune di Castelforte partecipa alla Giornata Mondiale dell’Acqua concedendo il Patrocinio ad una iniziativa di sensibilizzazione della Suio Natural SPA.

Il 22 marzo di ogni anno, infatti, si festeggia l’acqua, l’elemento sinonimo di vita. La Giornata Mondiale dell’Acqua (in inglese: World Water Day) è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, prevista all’interno delle direttive dell’agenda 21, risultato della conferenza di …Rio.

Il 22 marzo di ogni anno gli Stati che siedono all’interno dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sono invitati alla promozione dell’acqua promuovendo attività concrete nei loro rispettivi Paesi.

Oltre gli Stati membri del Palazzo di Vetro, dal 2005 anche una serie di Organizzazioni Non Governative hanno utilizzato tale giornata come momento per sensibilizzare l’attenzione del pubblico sulla critica questione dell’acqua nella nostra era, con occhio di riguardo all’accesso all’acqua dolce e alla sostenibilità degli habitat acquatici.
Castelforte, Comune Termale, non poteva che essere sensibile a questo tema ed aderire appieno alla Giornata Mondiale dell’Acqua, visto che le acque termali nello specifico sono una vitale ed inestimabile risorsa per i propri territori da tutelare e valorizzare.
Ed ecco l’iniziativa.

Una ricorrenza per sensibilizzare l’attenzione del pubblico sulla inestimabile risorse delle ACQUE TERMALI

“SALUS PER AQUAM”
Dal 20 al 26 Marzo 2017 Suio Natural SPA

21 Marzo 2017
CHIANCIANO TERME CELEBRA LA GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA “I giovani toscani conoscono le terme”

COMUNE DI CHIANCIANO TERME

Scuola e Ambiente: “I giovani toscani conoscono le terme” (III° Edizione)

Chianciano Terme celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua

Lezione sulle proprietà delle acque termali, visita al Museo civico archeologico Delle Acque e raccomandazioni per tutelare un bene non riproducibile: l’acqua

Chianciano Terme (Siena) – Il 22 marzo di ogni anno si festeggia l’acqua, l’elemento sinonimo di vita. Il Comune di Chianciano Terme promuove in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua una serie di iniziative che coinvolgano scuole, cittadini, istituzioni. Prioritaria è la formazione e quindi l’intera giornata sarà dedicata ai giovani delle scuole elementari per fargli conoscere le Terme di Chianciano ed il suo territorio ed in collaborazione con Terme di Chianciano è prevista una visita, a partire dalle ore 9.30, alle Piscine Theia e al Parco Acquasanta di Terme di Chianciano per far conoscere agli studenti le proprietà delle acque e una visita al Museo civico archeologico Delle Acque di Chianciano Terme, per testimoniare come in questa località le sue preziose acque sono state pienamente apprezzate ed utilizzate, sin dai tempi degli etruschi e romani.

«A Chianciano Terme l’elemento sinonimo di vita, sotto forma di acqua termale, riveste un significato strategico dal punto di vista culturale e sociale e per questo abbiamo voluto coinvolgere, per la terza volta, i nostri giovani studenti nel processo conoscitivo delle terme del nostro territorio. I giovani potranno, così, visitare e conoscere meglio le Terme di Chianciano, visitare le splendide Piscine termali Theia e il prestigioso Museo civico Delle Acque. I giovani saranno guidati, come piccoli turisti, in questo affascinante ed inedito percorso di conoscenza, dalle insegnanti che ringraziamo» – afferma la Consigliera delegata all’Istruzione del Comune di Chianciano Terme, Laura Ballati.

Terme di Chianciano consegnerà ad ogni bambino presente un voucher valido per un ingresso gratuito alle “Piscine Termali Theia” ed un vaucher valido per la riduzione del 20% sull’ingresso per i genitori.

«Siamo alla terza edizione di questo progetto, ripetuto proprio a seguito del successo delle edizioni precedenti, che ha visto i bambini entusiasti e curiosi di conoscere le ricchezze del paese in cui vivono, una Chianciano che lentamente sta rinascendo e che speriamo possa garantire loro un ridente futuro nella loro cittadina. Ringrazio vivamente il Dr. Della Lena, Direttore di Terme Chianciano che ci ha consentito di effettuare anche quest’anno la visita e auspico di poter ripetere l’iniziativa anche nei prossimi anni affinché tutti i bambini delle scuole elementari, ciclicamente, possano avere questa stessa importante opportunità» – conclude Laura Ballati.

Le finalità di questo progetto sono duplici: far conoscere il territorio dove si vive e tutelare l’ambiente e le risorse

Conoscere il territorio dove si vive, sapere quali sono le principali cose che lo caratterizzano, scoprirne gli aspetti culturali ed ambientali è fondamentale per ogni cittadino ma lo diventa ancora di più se il pubblico a cui ci si rivolge è quello dei più piccoli. In quest’ottica, l’Amministrazione comunale di Chianciano Terme, in collaborazione con le istituzioni scolastiche e con le Terme di Chianciano, hanno proposto una giornata dedicala alla visita alle terme ed ai beni culturali della stazione termale.

Sotto il profilo della tutela ambientale, nell’ottica della “green economy” e “smart city” l’Amministrazione comunale di Chianciano

Terme ha attivato numerosi progetti, compresa l’apertura nel 2016 di “casette dell’acqua” (in Via U. Landi, zona parcheggio Coop e in Viale della Libertà, zona Fiat, passeggiata Parco a Valle), nell’ottica di incentivare, indirettamente anche la raccolta differenziata mediante un cosiddetto “riciclo incentivante”, ovvero andando a premiare il comportamento virtuoso del cittadino.

«L’acqua è una risorsa non riproducibile e un bene pubblico – afferma l’assessore all’ambiente Damiano Rocchi – che va tutelata e quando, come nel caso di Chianciano Terme si è in presenza di acque termali, l’impegno di tutti è sicuramente tra i prioritari considerando che l’acqua termale, oltre che risorsa, rappresenta anche un fattore di sviluppo».

La Giornata Mondiale dell’Acqua (World Water Day) è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, prevista all’interno delle direttive dell’agenda 21, risultato della conferenza di Rio. Il 22 marzo di ogni anno gli Stati che siedono all’interno dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sono invitati alla promozione dell’acqua promuovendo attività concrete nei loro rispettivi Paesi. Oltre gli Stati membri del Palazzo di Vetro, dal 2005 anche una serie di Organizzazioni Non Governative hanno utilizzato tale giornata come momento per sensibilizzare l’attenzione del pubblico sulla critica questione dell’acqua nella nostra era, con occhio di riguardo all’accesso all’acqua dolce e alla sostenibilità degli habitat acquatici.

Chianciano Terme è un comune termale particolarmente sensibile a questo tema ed aderire alla Giornata Mondiale dell’Acqua, in quanto l’acqua ed in particolare le acque termali, nello specifico, sono una vitale ed inestimabile risorsa per il suo territorio da tutelare e valorizzare. Chianciano Terme è la città fondatrice dell’Associazione Nazionale Comuni Termali (A.N.CO.T.), associazione senza scopo di lucro per la promozione e la valorizzazione del termalismo in Italia costituitasi il 4 ottobre 1989 e recentemente ha aderito anche all’Associazione Europea delle Città Storiche Termali (EHTTA), fondata a Bruxelles il 10 dicembre 2009, una rete europea che riunisce città termali che possiedono un patrimonio architettonico significativo e le proprietà delle loro acque termali sono riconosciute a livello europeo e mondiale.

Files allegati:
2017_cs8_giornata dell’acqua.pdf

20 Marzo 2017
ANCOT, FEDERTERME E FORST CON IL SOTTOSEGRETARIO FARAONE IN PARLAMENTO PER RILANCIARE IL TERMALISMO

FEDERTERME, ANCOT E FORST INSIEME CON IL SOTTOSEGRETARIO FARAONE IN PARLAMENTO PER IL RILANCIO DEL TERMALISMO

Il Presidente di Federterme/Confindustria, Costanzo Jannotti Pecci, il Presidente di ANCOT (Associazione Nazionale Comuni Termali) Franca Roso e Giuseppe Bellandi, Componente del Consiglio Direttivo, il Presidente di FORST (Fondazione per la Ricerca Scientifica Termale) Aldo Ferruzzi e il Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina Termale dell’Università “La Sapienza”, prof. Antonio Fraioli, hanno svolto ieri, 23 febbraio, una prima sessione di lavoro con il Sottosegretario al Ministero della Salute, Davide Faraone, presso la Sala Governo della Camera dei Deputati insieme agli On.li Fanucci e Camani, che coordinano l’Intergruppo Parlamentare “Amici del Termalismo” (oltre 100 tra Deputati e Senatori di tutti gli schieramenti).

L’incontro è stato finalizzato ad individuare un percorso per l’attuazione dei punti maggiormente qualificanti contenuti nel Protocollo sottoscritto tra Federterme e Ministero della Salute il 23 novembre 2016 e fornire, allo stesso tempo, un nuovo impulso alle iniziative parlamentari avviate dagli On.li Fanucci e Camani insieme a numerosi altri deputati e senatori appartenenti all’Intergruppo, in materia di revisione della legge quadro di settore (legge 323/2000).

In particolare, l’On. Fanucci ha rappresentato la necessità di velocizzare l’iter parlamentare del ddl di riforma 323/00, chiedendo in questo anche l’appoggio del Governo, mentre l’On. Camani ha sottolineato l’importanza di un approccio alle questioni del settore che tenga conto in pari misura dei profili sanitari del termalismo e delle esigenze di definire un quadro certo di politiche industriali attivabili nel breve per il settore.

In tale direzione, come sottolineato dai due parlamentari, la questione delle aziende termali ancora in mano pubblica è tra quelle che devono trovare con urgenza una soluzione normativa che sia immediatamente applicabile, ed in linea con quanto contenuto nel ddl di riforma della legge 323/00, nell’ambito del primo provvedimento normativo utile, di cui sia certa l’approvazione da parte della Camera.

Anche le criticità che la Direttiva Bolkestein sta causando dovranno trovare una rapida risposta con un apposito atto di natura governativa e, se necessario, parlamentare.

Il Presidente di Federterme – Costanzo Jannotti Pecci – nel segnalare l’opportunità che il Parlamento possa addivenire all’approvazione del ddl di riforma almeno in uno dei due rami prima della scadenza della legislatura, ha evidenziato i temi maggiormente qualificanti sia del Protocollo, che della proposta di modifica legislativa, mentre la Presidente di ANCOT – Franca Roso – ha fatto presente il rinnovato impegno con il quale l’Associazione Nazionale dei Comuni Termali intende affrontare i temi di settore, con particolare attenzione alle ricadute sui territori.

La Presidente Roso ha evidenziato, altresì, come sia necessario procedere alla sottoscrizione di un accordo fra Stato e Regioni affinché sia posta attenzione alle terme, ai suoi territori ed al turismo termale.

Il Consigliere di ANCOT – Giuseppe Bellandi – ha confermato, inoltre, la necessità di operare in stretto raccordo con Federterme e FORST, con una interlocuzione nei confronti di Governo e Parlamento in forma sempre più coordinata e condivisa.

Il Presidente di FORST, Aldo Ferruzzi, ha ricordato i risultati raggiunti in tema di ricerca scientifica in quasi quindici anni di attività, che hanno consentito al termalismo di mantenere a pieno titolo il diritto di cittadinanza all’interno del Sistema Sanitario Nazionale. Il grande sforzo che stanno facendo le aziende termali, con il Ministero della Salute e le Regioni nella governance del board di FORST, è ancora una volta premiato dal successo del VI bando appena concluso, che ha raggiunto la cifra record di 27 progetti presentati dai ricercatori degli atenei italiani e stranieri.

Da ultimo, il professor Antonio Fraioli ha rivendicato il ruolo formativo dell’Università per consentire la rinascita di una nuova consapevolezza nella classe medica rispetto alla validità e all’efficacia delle cure termali.

In conclusione dell’incontro il Sottosegretario Davide Faraone ha assicurato la sua più ampia disponibilità a sostenere le iniziative prospettate sia sul versante parlamentare, che su quello di più stretta competenza del Ministero della Salute e del Governo più in generale, nel rispetto delle competenze dei vai Dicasteri.

Roma, 24 febbraio 2017

segreteria@federterme.it
tel. 06.8419416

segreteria@comunitermali-ancot.it
tel. 0578.64233

Files allegati:
Federterme e Ancot comunicato 24.02.2017.pdf

24 Febbraio 2017
ELETTO IL NUOVO PRESIDENTE DI ANCOT FRANCA ROSO

ELETTO IL NUOVO PRESIDENTE DI ANCOT FRANCA ROSO
NELL’ASSEMBLEA DELl’ 11.10.2016

I Comuni Termali, nel riaffermare l’importanza del termalismo italiano, lo scorso 11 ottobre hanno eletto Franca Roso nuovo Presidente ANCOT.

Roma (11 ottobre 2016) – Nella Sala Pio La Torre presso la sede di ANCI, si è svolta l’Assemblea Ordinaria dell’ANCOT – Associazione Nazionale Comuni Termali, alla presenza dei Sindaci delle stazioni termali più importanti a livello nazionale. All’Assemblea hanno, dunque, partecipato Bagno di Romagna (Vice Sindaco Alessia Rossi), Fiuggi (Sindaco Fabrizio Martini), Montecatini Terme (Sindaco Giuseppe Bellandi), Acqui Terme con il Vice Sindaco Franca Roso, Alì Terme (Presidente del Consiglio Comunale Lorenzo Grasso), Montevago (Sindaco Margherita La Rocca), Latronico (Sindaco Fausto De Maria), Montegrotto Terme (Sindaco Ricordo Mortandello), Presenti anche Termini Imerse e Salsomaggiore Terme.

Riconoscimento della valenza delle realtà termali in ambito sanitario, del turismo del benessere, dell’ambiente quali fondamenti dell’Associazione inseriti nelle linee programmatiche discusse e condivise di Soci nel corso dell’Assemblea e proposte dalla neo eletta Presidente Dr.ssa Franca Roso, già vice Presidente di ANCOT, vice Sindaco di Acqui Terme, e Segretario Statutario di Ehtta.

Nel corso dell’Assemblea è stata ribadita “l’importanza della creazione di sistema termale italiano rappresentativo di tutte le realtà, da cui la proposta di un ingresso di ANCOT nella Fondazione FROST per la ricerca scientifica termale, oltre alla prosecuzione del percorso intrapreso nei tavoli tecnici istituiti dal Ministero della Sanità”.

Sinergia, condivisione e valorizzazione delle competenze negli ambiti di riferimento di ogni Socio pieno coinvolgimento e rappresentatività dei territori gli altri cardini dell’Associazione ribaditi in Assemblea per conseguire concreti risultati di sviluppo.

Files allegati:
Comunicato ANCOT Eletto nuovo Presidente 11.10.2016.pdf

7 Novembre 2016
Assistenza sanitaria transfrontalieri. – Governo approva regolamento per i pagamenti

ASSISTENZA SANITARIA DEI TRANSFRONTALIERI

Attuazione della legge di Stabilità 2013 sulla assistenza sanitaria dei transfrontalieri (DPR)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Matteo Renzi e del Ministro della salute Beatrice Lorenzin, ha approvato un regolamento, da adottarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, al fine di delineare le competenze tra Stato e Regioni, in particolare, per quanto riguarda la regolamentazione finanziaria dei flussi debitori e creditori generati dalla mobilità sanitaria internazionale. L’intervento regolamentare si rende necessario tenuto conto che l’assistenza sanitaria da e per l’estero genera partite debitorie e creditorie che vengono, da un lato, trattate e regolate tra gli Stati coinvolti in base alle disposizioni comunitarie ed internazionali, dall’altro, implica una necessaria collaborazione amministrativo-contabile tra il Ministero della salute, le Regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Tale collaborazione si concretizza in procedure amministrative, nell’ambito delle quali i predetti enti territoriali si occupano, per mezzo delle ASL, della materiale erogazione delle prestazioni assistenziali agli assistiti di altro Stato e della conseguente fatturazione che comunicano al Ministero della salute. Quest’ultimo provvede ad esigere il pagamento dei crediti dovuti ed, inoltre, provvede al rimborso dei debiti maturati nei confronti degli Stati esteri, mediante risorse stanziate su uno specifico capitolo di spesa del proprio bilancio.

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 123

14 Luglio 2016

20 Luglio 2016
SETTIMANA DELLE TERME DI SICILIA – 21-28 NOVEMBRE 2015 CON IL SOSTEGNO DI ANCOT

Le città termali della Sicilia, quali Acireale, Alì Terme, Calatafimi Segesta, Castellammare del Golfo, Geraci Siculo, Lipari, Montevago, Sclafani Bagni, Sciacca, Terme Vigliatore e Termini Imerese, hanno sottoscritto a giugno scorso un protocollo d’intesa per la costituzione di una “Rete delle Città Termali in Sicilia”. Le città termali della Sicilia, quali Acireale, Alì Terme, Calatafimi Segesta, Castellammare del Golfo, Geraci Siculo, Lipari, Montevago, Sclafani Bagni, Sciacca, Terme Vigliatore e Termini Imerese, hanno sottoscritto a giugno scorso un protocollo d’intesa per la costituzione di una “Rete delle Città Termali in Sicilia”. La Settimana delle Terme di Sicilia dal 21 al 28 novembre 2015 è un progetto di promozione del sistema termale siciliano, svolto in collaborazione con la regione Sicilia, le Terme, i comuni, il Mibact, l’ANCOT e Federterme. Tra le attività previste dal progetto, animazione territoriale nei Comuni Termali ed un Convegno sul Turismo Termale e Termalismo. La “Settimana delle Terme di Sicilia” – spiega Calogero Impastato, Sindaco del Comune di Montevago, nonché Coordinatore regionale del Comitato dei Sindaci della “Rete delle Città Termali in Sicilia” – è molto di più: è l’avvio ufficiale di una comunicazione – promozione integrata tra gli attori di riferimento per superare ogni competizione per il bene comune dello sviluppo del settore termale. Come “Rete delle Città Termali” siamo impegnati sul rilancio delle terme e della loro immagine proponendo un’offerta integrata dei centri termali. Sempre più si rende necessario fare conoscere le opportunità offerte dalle acque termali al grande pubblico: dagli utenti curisti, ai turisti, ai medici e ad altri soggetti che compongono il sistema sanitario italiano”. In allegato il programma

Files allegati:
Settimana delle Terme in Sicilia2015.pdf

20 Novembre 2015
ANCOT AGLI STATI GENERALI DEL TURISMO SOSTENIBILE – Napoli 1-3 ottobre 2015

ANCOT AGLI STATI GENERALI DEL TURISMO SOSTENIBILE
ORGANIZZATI DAL MINISTERO DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI E DEL TURISMO

Napoli 1-3 ottobre 2015
Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa

Si terranno a Napoli al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa gli STATI GENERALI DEL TURISMO SOSTENIBILE dall’1 al 3 ottobre prossimi. Un Meeting Nazionale che vedrà la partecipazione di 200 persone, tutte professioniste e scelte dal Ministero dei Beni Culturali e Turismo del settore turistico, selezionate in base ai ruoli ricoperti a livello nazionale. Saranno costituiti tavoli di lavoro sui maggiori temi inerenti il Turismo sostenibile in Italia e le possibilità di formulare proposte innovative per il rilancio del settore.
Gli Stati Generali si apriranno e chiuderanno alla presenza del Ministro dei Beni, Attività Culturali e Turismo Dario Franceschini.

All’evento è stato invitato il Presidente ANCOT Luca Claudio anche come sindaco della Città di Abano Terme. Quindi sia ANCOT che il Comune di Abano Terme saranno presenti, per la prima volta, agli Stati Generali del Turismo.

“Ho sempre sostenuto, fin dalla mia elezione a Presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni Termali, ha detto il Presidente Luca CLAUDIO, la necessità che ANCOT sia presente ai Tavoli Ministeriali perché il Termalismo è parte importantissima del Turismo Nazionale e Risorsa “sostenibile” di eccellenza proprio per la sua derivazione naturale e per i benefici immediati, rinnovabili e riproducibili che produce. Finalmente anche il TURISMO TERMALE potrà essere portato, per la prima volta, all’attenzione dei vertici istituzionali nazionali e finalmente A.N.CO.T. siederà a un Tavolo di importanza strategica. ANCOT è la voce dei sindaci dei Comuni Termali d’Italia e se pur con limitate risorse (le quote dei Comuni iscritti) è l’unico Ente Nazionale che rappresenta I Comuni Termali d’Italia, diffusi su tutto il territorio nazionale perché l’acqua termale e minerale è un patrimonio naturale che abbiamo la fortuna di avere da nord a sud”.

Si allega programma dell’Evento.

Chianciano Terme, 29 settembre 2015

Files allegati:
Programma_Stati_Generali_turismo_sostenibile.pdf

29 Settembre 2015
ANCOT DA IL BENVENUTO AI COMUNI DI LATRONICO E CERCHIARA DI CALABRIA

BENVENUTI IN ANCOT !

Il Comune di Latronico (PZ) ed il Comune di Cerchiara di Calabria (CS) sono tra i nuovi Soci di ANCOT. Salgono così a 49 i Comuni Termali aderenti all’Associazione, che in questi ultimi anni si sono raddoppiati.
Segno questo che ANCOT è l’unica Associazione che può rappresentare i Comuni Termali in ambito Istituzionale, che può interpretare e rappresentare nelle sedi competenti le istanze delle amministrazioni comunali delle città Termali.
Il Comune di Latronico (PZ) è situato a 888 m s.l.m all’entrata della Valle del Sinni, nella parte sud-occidentale della provincia di Potenza, e sorge ai piedi del monte Alpi. In contrada Calda, immerse nel verde, vi sono le Terme Lucane dove da maggio a ottobre si possono effettuare molti tipi di cure idropiniche e soggiornare nelle attrezzate strutture ricettive. Il complesso basa le sue cure sul valore terapeutico delle acque bicarbonato solfato calcica e bicarbonato calcica solfurea.
http://www.latronico.eu/
Il Comune di Cerchiara di Calabria è collocato, invece, nel Parco nazionale del Pollino verso la piana di Sibari. Dai suoi 650m s.l.m. si scopre il panoramo sul mar Jonio. Poco fuori paese si trova la Grotta delle Ninfe. Nella suggestiva grotta, le cui pareti di roccia calcarea si aprono, in alcuni punti, verso il cielo, si è creata una piscina di acqua sulfurea calda (30 °C), già nota agli antichi Sibariti. Qui si formano fanghi dalle proprietà terapeutiche. Secondo l’antica leggenda, la Grotta delle Ninfe Lusiadi era l’antro nascosto che custodiva il talamo della mitica Calipso.
http://www.comune.cerchiara.cs.it/

30 Luglio 2015
COLLABORAZIONE TRA ANCOT ED IL MINESTERO DEI BENI CULTURALI ED AMBIANTALI E DEL TURISMO

GIORNATA NAZIONALE DELLE TERME D’ITALIA
SI APRE LA COLLABORAZIONE TRA ANCOT ED IL MINESTERO DEI BENI CULTURALI ED AMBIANTALI E DEL TURISMO
Positiva riunione su iniziativa del Presidente di ANCOT Luca CLAUDIO con i rappresentanti istituzionali e dirigenziali del MIBACT .

Roma 7 luglio 2015 – Si è tenuta martedì scorso una riunione presso il MIBACT – Settore Turismo tra il Presidente di ANCOT Luca Claudio ed Ottavia Ricci Consigliere per il Turismo Sostenibile nonchè Francesco Tapinassi Dirigente sulle Politiche del Turismo.

Oggetto dell’incontro la proposta di creazione e di organizzazione della Giornata nazionale delle TERME D’ITALIA, nonché della sua istituzionalizzazione sotto l’egida dello stesso Ministero.
Evento potrà essere diffuso e promosso all’appuntamento mondiale di EXPO 2015 a Milano (l’acqua uno dei gradi temi dell’esposizione), coinvolgendo il termalismo nazionale da Nord a Sud con temi legati all’ambiente, alla culturale al patrimonio al turismo sostenibile e agli stili di vita.

E’ stata anche l’occasione per ribadire che ANCOT è l’unica Associazione che può rappresentare i Comuni Termali in ambito Istituzionale, che può interpretare e rappresentare nelle sedi competenti le istanze delle amministrazioni comunali delle città Termali e che intende chiedere sinergia e collaborazione da parte del Ministero e del Governo sui temi del turismo e della crisi che lo stesso sta attraversando.
Non serve dimostrare nulla oltre a ciò che già è un dato certo, e cioè l’efficacia scientifica delle cure termali è già ampiamente assodata e dimostrata dalle attestazioni esistenti che ne certificano le peculiarità delle acque e del fango – ha sottolineato il Presidente di ANCOT. Quello che necessita è per far capire che la promozione di questo “settore” del Turismo può essere una delle misure per far fronte alla crisi economica attuale. Che è necessaria la creazione di un Ministero del Turismo e che allo stato attuale non vi è nemmeno una sezione dedicata alle Terme.
Un tema che ha trovato concordi tutti: il TURISMO è, purtroppo, una risorsa enorme che possediamo e che non sappiamo sfruttare al meglio, non solo in ordine alla ricettività turistica ma anche in ordine alla conoscenza, comunicazione internazionale ed esportazione del nostro “prodotto”.
Un incontro che ha avuto certamente esiti positivi a partire dall’impegno di sottoporre allo stesso Ministro Franceschini le istanze e le iniziative di ANCOT.
Del Consigliere Ottavia Ricci la proposta di rendere partecipe ANCOT nel mese di ottobre al convegno organizzato dallo stesso Ministero sul “Turismo sostenibile” durante il quale saranno affrontate sei grandi tematiche e saranno convocati gli Stati Generali del Turismo.

Inoltre, affrontare all’interno della Commissione Turismo del MIBACT la Giornata nazionale delle TERME D’ITALIA per legarla da parte del Ministero stesso ad un evento calendarizzato (es. come prima domenica del mese per i musei) attraverso la valorizzazione del patrimonio storico e archeologico e mussale dei Comuni termali. E a questo proposito creazione di uno specifico evento sotto il Ministero dei Beni Culturali e Ambientali e del Turismo all’interno di EXPO per la Giornata nazionale delle TERME D’ITALIA, di cui ANCOT, ricordiamo ha ottenuto il Patrocinio.

Files allegati:
PRESIDENTE ANCOT al MIBACT per la Giornata Nazionale Terme d’Italia.pdf

14 Luglio 2015
Indietro