Terme di Premia: riapertura il 4 dicembre - Comuni Termali Ancot

Terme di Premia: riapertura il 4 dicembre

Terme di Premia: riapertura il 4 dicembre

Sabato 4 dicembre, riaprono le Terme di Premia, chiuse ormai da oltre due anni, causa pandemia

È dal 10 marzo 2020, che le Terme di Premia sono chiuse, prima per la pandemia e poi per l’effettuazione di importanti lavori di ristrutturazione, in parte ancora in corso. A partire dal 4 dicembre, però, le Terme riaprono con una veste rinnovata, pronte ad accogliere nuovamente i loro ospiti all’insegna del benessere e del relax. La struttura, con i suoi oltre 5.000 mq di impianti termali curativi e ludici, rappresenta una delle principali attrazioni delle valli ossolane per quanto riguarda il turismo del wellness.

“Apriremo con la parte interna delle piscine termali e il nuovissimo Centro Benessere”, ha fatto sapere il direttore Gabriele Romeggio. La piscina esterna, invece, demolita e poi ricostruita nell’ambito degli interventi di ristrutturazione, sarà completata soltanto in primavera, con l’aggiunta di nuovi giochi d’acqua. A quel punto, perciò, sarà possibile apprezzare pienamente la portata dell’intervento migliorativo effettuato. “I lavori sull’impiantistica e quelli a livello edile della piscina esterna – ha aggiunto Romeggio – consentiranno di sfruttare per periodi più lunghi le altre vasche esterne”.

Oltre che per i clienti, la riapertura di inizio dicembre segna un punto di svolta anche per i dipendenti della struttura (in tutto 17, in cassa integrazione da un anno e mezzo) e per i tanti operatori con partita Iva impiegati nell’area wellness.

La fonte naturale solfato calcica delle Terme di Premia ha importanti proprietà chimico-fisiche che la rendono particolarmente indicata nelle crenoterapie inalatorie per le bronchiti croniche, per curare patologie di tipo infiammatorio delle alte vie aeree e in diversi stati patologici delle vie aeree superiori. La balneoterapia invece è utilissima per le affezioni articolari ad impronta infiammatoria cronica e nelle vasculopatie, ma soprattutto nelle cure in ambito dermatologico.

Ovviamente, in tempo di pandemia, l’accessibilità della struttura, secondo quanto stabilito dalle normative, non può superare il 30% della capienza, il che vuol dire che a fronte delle circa 300 persone che la struttura potrebbe accogliere a pieno regime, bisognerà rimanere sotto il centinaio. A tal proposito, il direttore Romeggio ha scelto una via di ancora maggior prudenza, fissando la capienza massima in 90 persone contemporaneamente. Inoltre, sopra i 12 anni, sarà obbligatorio il Green Pass. Resterà chiusa precauzionalmente, invece, l’area dei bagni turchi, mentre verrà concessa la possibilità di fare la sauna. Saranno regolari anche i servizi proposti dal centro benessere.

È quindi fortemente consigliata la prenotazione, sia per evitare sovraffollamento della struttura, sia – soprattutto nei periodi delle festività natalizie – per esser certi di trovare posto. La prenotazione dovrà essere effettuata telefonicamente al numero 0324 617257 o via Whatsapp al numero 320 8887359.

La struttura sarà aperta dal mercoledì al lunedì dalle 10 alle 20. Resterà eccezionalmente accessibile martedì 7 dicembre, per il ponte dell’Immacolata, mentre rimarrà chiusa il 25 e 26 dicembre.

19 Novembre 2021

Lascia un commento

Indietro